domenica 30 novembre 2008

Bocche che fumano














Noto
come
con eloquenza
sfacciata eleganza
questa coppia
di fronte a me
passeggia e
fuma

sollevando e
abbassando
all’unisono
la sigaretta

formando e
riformando
un pensiero unico
una sola necessità

non curandosi del
silenzio
che si scambiano
impassibili
di boccata
in boccata
sempre uguali
tutte regolari

non curandosi di
chi li segue
che immagina
senza poterne fare a meno
bocche liquide di fumo
nell’eterna
attesa di un bacio

che rovinerebbe il
glamour del rossetto
appena screziato di grigio
di un residuo di tabacco
di lei
e il labbro appena arcuato
ancora insapore della
sua oralità
di lui.

9 commenti:

stefano ha detto...

una bella immagine, carissimo. Bella e triste... ecco il messaggio che mi lancia la tua riflessione.
Spero di risentirti presto...
in ogni caso, non dovessi farcela prima: buon Natale, carissimo amico!
Stefano

fontinaboy ha detto...

Oh, era l'ora che qualcuno degnasse di un primo commento questo post tristo e sfigato.
Grazie e anche di molto, Stefano!
Auguri a te e a presto, sì.

Acidshampoo ha detto...

Ammettilo, qui hai cavalcato l'hype di un'altra tua felice poesia tangente al fumo e che ha avuto un successo editoriale, e il risultato mi pare all'altezza. Il prossimo passo, te lo dico, è iniziare a fumare. Quelli dopo, nell'ordine: prendere l'abitudine di giocare ai cavalli, farsi di etere e gareggiare in corse clandestine nella zona industriale d'Arezzo.

Tra l'altro l'immagine dei gesti di una coppia riportati in diretta dal narratore (o dal poeta), mi fa venire in mente questa notevole canzone di Baglioni, "Quei Due", per certi versi simile: http://www.youtube.com/watch?v=n0D3Eds56vc

fontinaboy ha detto...

Ammetto che questa poesia possa inserirsi come un continuum con l'altra, già baciata dal Successo Editoriale in effetti. Però no, è nata d'istinto e d'improvviso una volta che mi è capitato, per caso, di camminare dietro a una coppia che fumava così come la descrivo. E' stata una immagine fortissima: ora le attende un Bis Editoriale.

Acidshampoo ha detto...

Ma roba da matti... bisogna portarti via se in un pub c'è uno solo che fuma dall'altro lato della stanza, e poi però ti metti apposta in scia dietro a coppie che fumano. Ma io me domando e dico...

fontinaboy ha detto...

Ma non mi sono messo in scia apposta: s'andava tutti e tre nella stessa direzione, e c'era un unico senso obbligato e loro erano davanti a me, quindi non ho potuto fare altro che 'seguirli' e sì, beccarmi il loro fumo. Invadente ma ispirativo se non altro.

Acidshampoo ha detto...

Capito. E' un ragionamento che, come direbbe Frassica, non fa una griglia.

Martina ha detto...

Che bella 'sta poesia, Rob!!! Ma perchè non ci siamo conosciuti prima?? che la maledizione cada sui banchieri!! Ma non sono forse già stati maledetti dalla loro professione?
;)

fontinaboy ha detto...

Grazie, Martina! Ma sai che inizio a domandarmelo anche io, e quando io inizio a domandarmi delle cose, è segno che. Pensa che ogni tanto il mi' babbo c'ha provato a invitarmi a pensare alla possibilità di fare il banchiere: quanto c'avrà capito, del su' figliolo...?